Vuoi la tua pubblicità qui?
Vuoi la tua pubblicità qui?
23 Gennaio 2022

Pubblicato il

Clan Spada di Ostia, la Cassazione conferma l’accusa: è mafia

di Redazione
Disposto inoltre un nuovo processo per l'omicidio di due esponenti di un clan rivale
Perquisizione abitazioni Clan Spada Mafia Cassazione

La prima sezione penale della Corte di Cassazione conferma l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada di Ostia, nell’ambito del maxi processo contro i 17 membri dell’organizzazione criminale del litorale romano. I giudici hanno accolto la richiesta del sostituto procuratore generale della Cassazione, Luigi Birritteri.

La Cassazione conferma: Clan Spada è mafia

Inoltre, i giudici della suprema Corte con la sentenza pronunciata il 13 gennaio 2021 hanno disposto anche un nuovo processo d’Appello per il duplice omicidio di due esponenti di un clan rivale: Giovanni Galleoni detto “Baficchio” e Francesco Antonini detto “Sorcanera”, avvenuto il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia.

Il processo d’appello bis riguarderà Roberto Spada, già condannato in via definitiva a 6 anni per la testata al giornalista Daniele Piervincenzi, Ottavio Spada, detto Marco, e Carmine Spada. I ricorsi degli altri imputati sono stati dichiarati inammissibili.

Il processo nasce dall’indagine della Direzione distrettuale antimafia di Roma, coordinata dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò e dal pm Mario Palazzi, che aveva portato il 25 gennaio del 2018 all’operazione “Eclissi” con gli arresti eseguiti dai carabinieri e dai poliziotti della Squadra mobile. Il 12 gennaio dello scorso anno i giudici della prima Corte d’Assise d’Appello di Roma avevano confermato l’associazione per delinquere di stampo mafioso e le condanne per i 17 imputati con oltre 150 anni di carcere.

Il commento del presidente Cioffredi e di Raggi

“La sentenza della Cassazione riconosce il reato di associazione mafiosa per il clan Spada e conferma il robusto impianto accusatorio della Direzione Distrettuale Antimafia e il lavoro prezioso della Squadra Mobile della Questura di Roma e del Nucleo Investigativo dell’Arma dei Carabinieri di Ostia con l’Operazione Eclisse del 25 gennaio del 2018. Una sentenza che rafforza la fiducia dei cittadini nello Stato e conferma che le mafie non sono invincibili”. Così in una nota Gianpiero Cioffredi, presidente dell’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio

Vuoi la tua pubblicità qui?

“Il clan Spada è mafia. Lo conferma una sentenza della Cassazione. Sempre al fianco dei cittadini onesti nella lotta alla mafia. Il nome dei romani non è Casamonica; non è Spada; non è Di Silvio; e non è Marando. Il nostro nome è Roma”. Così in un tweet la consigliera capitolina del M5s Virginia Raggi.

Vuoi la tua pubblicità qui?
 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo