Vuoi la tua pubblicità qui?
21 Settembre 2020

Pubblicato il

Aziende sleali

Pomezia, fallimento aziendale fittizio: arrestati due fratelli

di Redazione

A Pomezia la Guardia di Finanza ha scoperto il fallimento pilotato di un'azienda di proprietà di due fratelli che sono stati arrestati

Discarica abusiva, Fiamme Gialle
Discarica abusiva, Fiamme Gialle

L’azienda di Pomezia indagata aveva inscenato un fallimento fittizio. Le indagini delle fiamme gialle hanno portato al sequestro per oltre 1 milione di euro. I due fratelli sono accusati di aver manipolato le loro finanze per far fallire la società. In sostanza un fallimento pilotato. Così per loro è scattato questa mattina il preventivo di beni che ammonta al valore di oltre 1 milione di euro.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ad eseguire l’operazione sono stati finanzieri del comando provinciale di Roma, come disposto dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Velletri. La Guardia di Finanza ha iniziato ad indagare sui fratelli a causa di un alto tasso di debiti e soprattutto dell’Erario creditore di oltre 2 milioni di euro per imposte mai versate. La società di Pomezia era quindi destinata al fallimento; volutamente avviata al dissesto attraverso la cancellazione dal registro delle imprese e attraverso un falso trasferimento di crediti.

La bancarotta fraudolenta, nel diritto italiano, è un reato penale. La Guardia di Finanza agisce sempre per la salvaguardia dell’economia legale e dell’imprenditoria onesta.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento